Il Mangia Peccati Esorcismo per stomaci deboli, commedia nera romanzo horror mangiatore di peccati

Il Mangia Peccati, la storia e la leggenda dei mangiatori di peccati

Alcuni mi hanno chiesto: “Te la sei inventata te una roba così assurda come il Mangia Peccati?”.

No

La figura del Mangia Peccati, in inglese “Sin Eater“, esisteva veramente anche se non ha una storia gloriosa. Viste le domande sul protagonista del mio ultimo romanzo Horror ho pensato di scrivere qualcosa in merito. Questa stramba figura del mangiatore di peccati non fa parte del folclore italiano, anche se come tema e bizzarria ci starebbe proprio bene.

Approfondisci

Coreografia di una scena di combattimento

Coreografia di una scena di combattimento

Da quanto ho postato l’articolo su come “Scrivere una scena di combattimento ” mi sono arrivati molti spunti e aiuti.
Mi ero chiesta: come diavolo posso fare raccontare uno scontro senza sapere nulla di scherma medievale?

La soluzione più sicura che mi hanno suggerito è stata: “impara la scherma” e avrebbe potuto essere davvero la migliore, ma presentava un paio di lati negativi:

1) Non ho un corso vicino a casa e ci vorrebbero anni per imparare, per di più non ho tempo… Balle. Sono refrattaria alle attività sportive ed è dalle scuole medie che non picchio più nessuno, ecco.

2) Mi secca tornare a casa pesta e dolorante, per quello è bastato il mio primo concerto dei Deep Purple.

Approfondisci

Maniax di Joe Arden, libri e adrenalina

Proprio oggi mi stavo facendo delle domande riguardo al tipo di storie che sto scrivendo per la mia serie Vittoriana, Victorian Horror Story . Dopo aver visto quel capolavoro che è Crimson Peak, (parlerò un’altra volta di quello che mi ha suggerito) mi chiedevo: Forse starò esagerando con lo splatter? Con i mostri? Troppa azione e poca descrizione? Poche pause? Sarò troppo trash?

A parte il fatto che non si è mai troppo trash per i miei gusti (Zombie Nation insegna), mi è tornato in mente Maniax, un libro Horror che ho letto qualche era geologica addietro, e mi sono detta… NAAAAAAH! Il troppo non è mai troppo!

Questo articolo è apparso il 25 Settembre 2015 sulla Rivista FralerigheRivista Fralerighe e lo ripropongo qui su Altro Blog in versione aggiornata.

Approfondisci

Sfida NaNoWriMo 2015

NaNoWriMo Sfida 2015

Sfida nanowrimo 2015Avevo parlato delle sfide contro me stessa e del fatto che la mia produttività in fatto di scrittura non fosse esattamente a livelli soddisfacenti proprio nello scorso articolo su Quello che Avevo Imparato dal SelfPublishing .

Per l’appunto, ecco che inizia il NaNoWrimo internazionale una sfida che mi sento di intraprendere e già so che saranno lacrime e sangue.

Di che si tratta? 50.000 parole in 30 giorni, ecco che roba è! Mica bruscolini!

Approfondisci

Fuori in 10 secondi: come scrivere la sinossi per gli store

Fuori in 10 secondi: come si scrive la sinossi per gli store

Scrivere una presentazione che acchiappi i lettori è un’arte e non ha niente a che fare con le tecniche di scrittura che si sono usate per scrivere il proprio ebook, ma  ha più a che fare con il marketing e con la scrittura persuasiva  (di cui ne so pochissimo in verità).
Nel breve tempo di 10 secondi devi convincere il potenziale lettore a comprare il tuo libro.

Ho cercato un po’ di consigli e dritte su vari blog, quello che ho trovato mi ha convinta che forse devo cambiare qualcosa delle vecchie sinossi che sono già online su Amazon!

Quindi, occhio! Non sto parlando della sinossi che si invia insieme all’opera a un editore, eh! Mi sto riferendo alla presentazione dell’ebook che dobbiamo inserire sugli store, come Amazon, Kobo, etc.

Approfondisci