Scrivere di velieri nel medioevo

Scrivere di velieri del medioevo

È bene chiarirlo fin dall’inizio: io non sono un’esperta di nautica antica. La verità pura e semplice è che, prima che mi venisse in mente un racconto di Altro Evo ambientato in parte su un veliero, le mie nozioni si limitavano a poche cose superficiali che ho letto in romanzi d’avventura o visto nei film.

In ogni caso il copione prevedeva che descrivessi l’ambiente di bordo e per fortuna si trattava di una nave ormeggiata! Non volevo leggermi trattati o saggi di nautica ma avevo bisogno di un prontuario schematico che mi fornisse le informazioni di cui avevo bisogno e quindi…

Scrivere di velieri del medioevo senza saperne nulla

Suonava brutto scrivere roba del tipo “il marinaio salì su quella cosa rialzata, con la ringhierina dove c’è il timone“. Ehi, timone lo conoscevo fin da prima! Insomma avevo bisogno di sapere cos’era il cassero e il castello di poppa.
Alzi la mano chi non si è confuso almeno una volta sull’ubicazione di “poppa” e “prua“.
Si può scrivere scrivere brani plausibili senza divenire esperti di nautica antica?

Sapere almeno le cose fondamentali

Come fare per fingere di saperne a badilate e evitare figuracce da parte di esperti? Mi sono documentata dalla fonte a cui attingo spesso, altrimenti detta “ultima spiaggia”, meglio conosciuta come Internet. Ecco una selezione di articoli, links e schemi che possono aiutare a scrivere di velieri del medioevo.


Il primo articolo che consiglio è l’ottimo e semplice articolo introduttivo pubblicato su Terre di Confine su “I VELIERI“:

La nostra è un’epoca di navi altamente tecnologiche e all’avanguardia, capaci di raggiungere velocità elevate e di attraversare impunemente gli oceani. Ciononostante ancora oggi i velieri, illustri antenati della moderna navigazione, suscitano un fascino indiscutibile.

La nave a vela, nelle sue varie forme e dimensioni, ha solcato i mari dal tempo delle civiltà più antiche, passando per le grandi scoperte geografiche, le rotte mercantili che hanno reso ricchi gli imperi coloniali e l’era dell’industrializzazione, la quale, all’inizio del XX secolo, ha portato alla sostituzione del veliero con le navi a motore.

CONTINUA A LEGGERE SU TERRE DI CONFINE…


Altro articolo interessante per avere un’infarinatura storica www.ammiraglia88.it
U
n sito da leggere con cura.

Breve storia delle imbarcazioni, tipi di velieri e cenni sulle navi.

La Marina Bizantina poteva contare su vari tipi di imbarcazioni: Dromoni, Chelandie, Corsieri, Acazie. Fu su queste ultime che apparve per la prima volta il timone a poppa. Erano armate con remi e vele latine.
Particolari, ed ancora visibili nel Museo delle navi ad Oslo (Norvegia), furono le navi dei Vichinghi: lunghe, snelle, basse di bordo, con prua e poppa rialzate e ricurve. Avevano un solo ordine di remi e una sola grande vela quadra.

CONTINUA A LEGGERE SU AMMIRAGLIA88.IT

 


 

schema nave velieri del medioevoI siti con più informazioni e spiegati in parole semplici (una specie di For Dummies dello scrittore) sono i quelli di modellismo come MODELLISMO.NET nel cui forum ho trovato l’immagine di fonte ignota. la cui pignoleria mi impaurisce ma mi infonde anche molta sicurezza. Cliccate sull’immagine per ingrandirla.


Schema interno veliero del medioevo

Non ho certezza sull’attendibilità di questo schema ma mi è sembrato plausibile e molto chiaro. (trovato su un sito di Digilander) insieme a altre informazioni sulla fleuta olandese. Cliccare per ingrandire l’immagine.


MITI DEL MARE

In particolare segnalo le sezioni:
ARTE NAVALE con schemi e sezioni di navi e nomenclatura.
LE VELE velatura e alberi, tantissimi schemi visivi!
TERMINI MARINARESCHI

(Miti del mare è stato segnalato da Annalisa Rizzi )

 

Terminologia nautica! Indispensabile per dare fiato alla bocca di un capitano o di un marinaio semplice. Contiene anche informazioni sulla tecnica. Un sito preziosissimo!

FORUM SCUOLA DI MODELLISMO


 

Se avete altre fonti facilmente reperibili potete lasciare un commento qua sotto.

 

Condividi l’articolo se ti è piaciuto! 

Mala Spina

Avida collezionista di fumetti, ama leggere e scrivere storie fantasy, horror e d'avventura. Orbita attorno al mondo della grafica e dell’illustrazione digitale. Facebook | Google+ | Twitter | Pinterest

4 thoughts to “Scrivere di velieri del medioevo”

  1. Grazie mille per questo articolo, mi hai appena salvato la vita! Dopo aver deciso di inserire nel mio romanzo alcune scene di navigazione, mi sono resa conto che le mie conoscenze al riguardo erano basate su un paio di traversate in traghetto e un’avida visione della saga cinematografica de I pirati dei Caraibi. Non esattamente le fonti più affidabili…

  2. Per anni mi sono chiesto in cosa consistesse “fare un giro di chiglia”, come punizione. Beh, da ora non me lo chiederò più! 😀 Fantastico, grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *