terry pratchett

Terry Pratchett, sfumature di Octarine e il colore della magia

Questo articolo è apparso il 30 Gennaio 2015 sulla Rivista Fralerighe Rivista Fralerighe e voglio riproporlo qui su Altro Blog per parlare ancora di Terry Pratchett.

Quando cominciai a leggere Fantasy ero già abituata allo humour di Lyon Sprague De Champ ma non ero certo preparata a quello che mi aspettava con il Mondo Disco. La cosa buffa è che ho conosciuto Terry Pratchett grazie a un fumetto in inglese, trovato rovistando in una fumetteria polverosa. La storia era così assurda  e fulminante che iniziai a leggere i libri ed è così che sono atterrata sul Mondo Disco. Il suo umorismo e la sagacia sono inarrivabili ma nel mio piccolo tento di ispirarmi al genere di satira che ha sempre portato nelle sue storie.

Ora che ci penso il terzo capitolo di Altro Evo è nato proprio grazie alla lettura de “Il Colore della Magia“. Ero rimasta così colpita che quell’episodio si scrisse praticamente da solo.

Due sfumature di Octarine

terry pratchettIl Fantasy ha un numero disarmante di sotto-classificazioni. In questo articolo si parla della corrente umoristica, e di uno dei maestri del genere.
Terence David John Pratchett, universalmente conosciuto come TERRY PRATCHETT , è uno scrittore britannico che ha saputo infondere, nei suoi piccoli universi, quella fantastica vena di humour propria degli inglesi, riuscendo ad andare oltre alla semplice parodia.
I suoi libri sono avventure fuori dagli schemi, accompagnate da battute sagaci, intelligenti, piene di citazioni, che spesso nascondono una presa in giro della società e dei costumi. Non si tratta di comicità dirompente e caciarona, ma sottile, ragionata e pervasa da una buffa vena di follia.

Il fenomeno Terry Pratchett non ha avuto molta presa in Italia e non ha raggiunto la fama di cui gode all’estero. Nel mondo anglosassone, dove l’umorismo nei racconti di genere non è visto come fumo negli occhi, i suoi libri hanno ispirato adattamenti per videogiochi, fumetti, riduzioni televisive, giochi da tavolo e film di animazione.

Voglio parlare proprio di un paio di adattamenti, realizzati partendo dalle sue storie. Dovendo limitare il campo, mi occuperò solo delle produzioni che hanno riadattato i primi due celebri libri del Mondo Disco, “The Colour of Magic“ (trad. “Il colore della magia”) e “The Light Fantastic” (trad. “La luce fantastica”).

Venendo al titolo… l’Octarine è il colore della Magia del Mondo Disco, una delle serie più di successo, che comprende più di trenta libri e varie sotto-saghe interne.

terry pratchett The Colour of magicFUMETTI

Nei lontani anni ’90 mi sono imbattuta in questa simpatica graphic novel, edita da Corgi Books, in due volumi. Ha il tratto incerto di un illustratore non professionista, capace però di rendere dignitosamente le espressioni e la mimica. Credo che sia l’unica cosa che Steven Ross abbia illustrato.
Il fumetto presenta delle “deviazioni” rispetto al testo originale (ormai sono abituata a questo tipo di licenze) ma devo dire che comunque non le ho trovate disturbanti e, in generale, mantiene lo spirito dei libri. I giochi di parole e le situazioni umoristiche sono stati interpretati piuttosto bene. Devo dire però che, secondo me, lo stile del disegnatore scelto non è azzeccato, ma si tratta pur sempre di una riduzione del 1991 e in quel periodo si vedevano molte graphic novel con questo modo di disegnare un po’ graffiato e confuso.

Terry Pratchett il colore della magia Twoflower prova a spiegare la magia di cui si occupa nel paese natale… qualcosa che ha a che fare con “il suono riflesso delle creature del sottosuolo”. Uno dei primi giochi di parole.

Terry Pratchett il colore della magiaRincewind è un mago molto particolare, per ragioni che non spiego non può usare la sua magia.

Terry Pratchett il colore della magiaGli dei del Mondo Disco e il loro passatempo.

Curiosità: nel colophon dei volumi della prima edizione risulta essere stato stampato in Italia da Mondadori.

00_cm_tvTELEVISIONE

I romanzi “The Color of Magic” e “The Light Fantastic” sono stati trasposti in una miniserie televisiva di due episodi per un totale di 189 pazzeschi minuti.
C’è da aver paura quando ti dicono che uno dei tuoi libri preferiti è diventato un serial o un film. Diciamo che l’esperienza con “La spada della verità” e “Eragon” potrebbero far rabbrividire anche i più saldi di cuore. Eppure mi pare che qualche volta ci sia un’inversione di tendenza e si riesca a fare un prodotto dignitoso, come è successo per “Game of Thrones”. In questo caso, gli studi televisivi britannici hanno realizzato una riduzione che classifico come “non male”. Ci sono cose diverse da come me le ero immaginate, Rincewind è più vecchio, la città di Ankh-Morpork sembra una Londra vittoriana ma… è proprio la creatura di Terry.

La parte più interessante è la scelta degli attori, che riserva molte sorprese.
Twoflower, il primo turista del mondo disco, è interpretato da Sean Astin, più conosciuto per essere Sam, uno degli hobbit de “Il Signore degli Anelli”.
David Jason negli insoliti panni di Rincewind, meglio conosciuto da noi per gli sceneggiati polizieschi “Jack Frost”.
Christopher Lee è la voce della Morte e il suo tono costernato ogni volta che Rincewind scampa al decesso è da lacrimone di gioia.
Soprattutto Tim Curry è un fantastico cattivo nei panni di un mago arrivista e senza scrupoli. Diciamocelo, Tim ormai è maledetto per via del Rocky Horror Picture Show e ogni volta che lo sento parlare in lingua originale mi aspetto che butti a terra i vestiti e si metta a cantare a squarciagola “I can make you a man”.
Jeremy Irons è nei panni di un alto funzionario di Ankh-Morpork (ok, Jeremy lo so dai tempi di Dungeons and Dragons che hai un debole per i film fantasy).

Terry Pratchett il colore della magiaIl Baule di Pino sapiente fa la sua prima apparizione. Credo che sia il personaggio meglio riuscito, peccato che si veda così poco.

Terry Pratchett il colore della magiaTwoflower e il suo libro per turisti. Per esigenze di copione Duefiori non parla il Trob.

Terry Pratchett il colore della magiaRincewind e Twoflower osservano mestamente l’incendio di Ankh-Morpork.

06_cm_tvRincewind e Cohen il barbaro. Menzione d’onore a chi riconosce l’attore che interpreta il vecchio guerriero.

La computer grafica è quella che è. Quando arrivano i draghi il mio consiglio è di battere i palmi delle mani sulle orecchie, chiudere gli occhi e canticchiare LALALALA. Però non sono gli effetti speciali a rendere piacevole la visione di questo film quanto la storia in sé.
Con mio grande dispiacere sono state eliminate molte delle gustose stranezze del Mondo Disco, ma come dicevo all’inizio: sono abituata agli adattamenti, ai tagli etc.etc.

La visione delle due puntate è possibile anche su Youtube (finchè non le tolgono!).

Ahimè, la seconda parte è stata rimossa da Youtube ma cercando bene… qualcosa si trova ancora.

 


Muore il 12 marzo 2015: ne dà notizia ufficiale sul suo sito la figlia Rhianna, col messaggio:
“ALLA FINE, SIR TERRY, DOBBIAMO INCAMMINARCI INSIEME”. Nelle opere di Pratchett, il maiuscolo è il segno distintivo delle parole pronunciate dalla Morte.
Condividi l’articolo se ti è piaciuto! 

Mala Spina

Avida collezionista di fumetti, ama leggere e scrivere storie fantasy, horror e d’avventura. Orbita attorno al mondo della grafica e dell’illustrazione digitale.
Facebook | Google+ | Twitter | Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *